Diritto del LavoroImpreseItalia/Francia

Impatti dello chômage partiel sui contratti di lavoro

By 21 Aprile 2020 No Comments

Chômage partiel e assenza per malattia “standard” o per assistenza ad un minore o ad una persona vulnerabile.

Il compenso di un dipendente in assenza malattia durante un periodo di attività parziale tiene conto delle ore di lavoro prestate in azienda e del compenso per l’attività parziale pagata durante tale periodo.

Caso

Statuto del dipendente

Retribuzione

Assenza per malattia “standard”: Interruzione per una malattia “standard” dopo aver lavorato per un periodo in chômage partiel

Interruzione del dispositivo di attività parziale fino al termine del periodo di assenza prescritto

Passaggio allo stato di dipendente in congedo per malattia

Mantenimento del complemento del datore di lavoro rispetto all’indennità giornaliera della sécurité sociale sociale, che si aggiusta per mantenere la retribuzione a un livello equivalente all’importo dell’indennità dovuta per l’attività parziale. Supplemento soggetto agli oneri sociali di diritto comune applicabili alle retribuzioni.
Assenza per malattia “standard” prima dell’inizio dell’attività parziale. Mantenimento dell’arrêt de travail sino al suo termine e poi passaggio del dipendente allo chômage partiel

Mantenimento del complemento del datore di lavoro rispetto all’indennità giornaliera della sécurité sociale sociale, che si aggiusta per mantenere la retribuzione a un livello equivalente all’importo dell’indennità dovuta per l’attività parziale.

Supplemento soggetto agli oneri sociali di diritto comune applicabili alle retribuzioni.

Assenza per assistenza a minore o persona vulnerabile prima dell’inizio dello chômage partiel che prevede riduzione dell’orario di lavoro Mantenimento dello status di dipendente in assenza per malattia
Non è possibile collocare il dipendente in chômage partiel

Mantenimento di IJSS e complemento del datore di lavoro.

Divieto di cumulo di IJSS e indennità di attività parziale nello stesso periodo

Assenza per assistenza a minore o persona vulnerabile prima dell’inizio dello chômage partiel che prevede chiusura del servizio o della società Proseguimento dell’assenza per malattia fino alla fine e divieto di suo prolungamento . Sottoposizione del dipendente allo chômage partiel alla fine dell’assenza per malattia.

Mantenimento di IJSS e complemento del datore di lavoro.

Divieto di cumulo di IJSS e indennità di attività parziale nello stesso periodo

Impatto sulle ferie pagate

Tutte le ore di assenza dal lavoro, con o senza compenso, sono prese in considerazione per il calcolo dell’acquisizione dei diritti all’indennità di ferie.

Il pagamento delle ferie è comunque calcolato sulla retribuzione abituale e non sull’indennità di attività parziale (CGUE, 13 dicembre 2018, causa C.385/17).

Impatto sulla durata del mandato dei membri del CSE

In “tempi normali”, i membri del Comitato economico e sociale (CSE) non possono vedersi imporre un provvedimento di attività parziale, in quanto nessuna modifica delle condizioni di lavoro può essere imposta a un rappresentante del personale senza il suo consenso. Se rifiuta, il datore di lavoro deve pagargli l’intero stipendio.

Tuttavia, l’articolo 6 dell’ordinanza n. 2020-346 del 27 marzo 2020 deroga a questa norma e stabilisce che l’attività parziale è imposta al lavoratore protetto senza l’accordo del datore di lavoro, a condizione che riguardi tutti i dipendenti dell’impresa, dello stabilimento, del dipartimento o dell’officina a cui l’interessato è assegnato o annesso.

In assenza di ulteriori dettagli e in attesa di un futuro decreto, tale deroga è applicabile dal 29 marzo (giorno successivo alla pubblicazione dell’ordinanza) fino al 31 dicembre 2020.

Impatto sull’obbligo di fedeltà: possibile cumulo con un altro lavoro

I dipendenti assunti a tempo parziale possono approfittare della sospensione del loro contratto o della riduzione dell’orario di lavoro per lavorare per un altro datore di lavoro, a meno che non vi sia una clausola di esclusività nel loro contratto e a condizione che rispettino il loro obbligo di fedeltà.

Tuttavia, la clausola di esclusiva non sarà opponibile se non soddisfa le tre condizioni seguenti: deve essere indispensabile per la tutela dei legittimi interessi dell’impresa, deve essere giustificata dalla natura del compito da svolgere e deve essere proporzionata allo scopo perseguito.

La presenza di una clausola di non concorrenza non ha alcun impatto perché entra in gioco solo dopo la risoluzione del contratto, ma qualsiasi attività concorrente può essere considerata una violazione del dovere di lealtà.

Quando il dipendente lavora per un altro datore di lavoro mentre è collocato in attività parziale, accumula l’indennità di attività parziale pagata dal suo datore di lavoro abituale con il salario ricevuto dall’altro datore di lavoro. 

Se il dipendente svolge un’attività parziale “ridotta”, il secondo datore di lavoro deve assicurarsi che l’orario di lavoro totale con i diversi datori di lavoro non superi l’orario di lavoro massimo previsto dalla legge.

Inclusione del dipendente nell’effettivo medio mensile

Come nel caso del regime di diritto comune di cessazione parziale dell’attività, il dipendente rimane inserito nell’organico, la sospensione del contratto di lavoro non ha alcun effetto al riguardo.

Impatto sui diritti pensionistici

Per la pensione di base, il periodo di lavoro parziale in caso di sospensione totale del contratto non consente la convalida dei trimestri dell’assicurazione per la vecchiaia.

Per la pensione complementare, il periodo di attività parziale superiore a 60 ore nello stesso anno dà diritto ai punti del regime di pensione complementare Agirc-Arreco.

 

Avv. Aurora Visentin