Diritto CommercialeImprese

La clausola risolutiva espressa e la sua operatività all’interno di un contratto

By 7 Settembre 2021 No Comments
Clausola risolutiva espressa

La Cassazione, con ordinanza 3 settembre 2021, n. 23879, si è espressa sulla operatività della clausola risolutiva espressa inserita dalle parti all’interno di un contratto.

Sostiene la Corte di Cassazione come per la configurabilità della clausola risolutiva espressa, le parti devono aver previsto la risoluzione di diritto del contratto per effetto dell’inadempimento di una o più obbligazioni specificamente determinate, costituendo una clausola di stile quella redatta con generico riferimento alla violazione di tutte le obbligazioni contenute nel contratto.

La stipulazione di una clausola risolutiva espressa non significa che il contratto possa essere risolto solo nei casi espressamente previsti dalle parti, rimanendo fermo il principio per cui ogni inadempimento di non scarsa rilevanza può giustificare la risoluzione del contratto, con l’unica differenza che, per i casi previsti dalle parti nella clausola risolutiva espressa, la gravità dell’inadempimento non deve essere valutata dal giudice.

Avv. Luca Membretti